I migliori siti .onion nel dark web

onion-sites

Attenzione: alcuni delle fonti e dei link riportati nell’articolo sono in inglese.

Il deep web è una parte di internet non raggiungibile tramite i normali motori di ricerca. Una parte del deep web è il dark web, che esiste all’interno di reti proxy su più livelli, note come darknet. Di queste darknet, Tor è di gran lunga la più grande.

La rete Tor è composta da migliaia di server chiamati relay. Quando navighi sul web utilizzando il browser Tor, i tuoi dati non passano direttamente dal tuo computer al server. Vengono inviati in maniera casuale tra almeno tre di questi relè prima che raggiungano la loro destinazione. I dati che visualizzi potrebbero aver fatto il giro del mondo più volte prima di raggiungerti!

Ciò potrebbe essere poco efficiente, ma rende anche molto più difficile il monitoraggio dell’attività. Inoltre, i tuoi dati di navigazione vengono crittografati in modo tale che i relè non siano in grado di conoscerne la destinazione, il contenuto o l’origine contemporaneamente.

Puoi utilizzare questa tecnica per nascondere la tua identità e la tua posizione all’interno del dark web, e può farlo anche un provider di servizi. Ciò rende possibile ospitare siti che sono più difficili da oscurare o censurare, ma che sono associati anche ad attività criminali.
All’interno del dark web, i siti non possono utilizzare normali nomi di dominio. Al loro posto, utilizzano nomi di pseudo-domini che terminano in .onion. Questi nomi di dominio non sono registrati presso un’autorità centrale, ma derivano da chiavi crittografiche. Ciò significa che non ci sono commissioni associate ad essi e non possono essere sequestrati facilmente. Ma significa anche che non sono sempre facilmente leggibili.

Di default, le connessioni all’interno della rete Tor sono crittografate end-to-end , il che significa che non è necessario un livello di crittografia aggiuntivo come accade con i normali siti web. Di conseguenza, la maggior parte dei siti onion non ha la “S” in “HTTPS”. Finché la tua connessione è sicura, il browser Tor ti mostrerà l’icona di una cipolla piuttosto che quella del solito lucchetto.
Ma quali siti si trovano sul darknet? Cosa fanno e perché sono lì? ExpressVPN è fiera di presentare i nove siti più (in-)popolari:

(nota bene: avrai bisogno del browser Tor per aprire i link dei siti web .onion presenti in questo articolo e accedere al dark web. Puoi scaricare qui il browser Tor).

1. ProPublica

http://www.propub3r6espa33w.onion/Homepage Onion di ProPublica.
La prima pubblicazione online che ha vinto un Pulitzer è ora anche la prima più grande pubblicazione con un indirizzo .onion.
Sono molte le cose che ProPublica fa in modo diverso. Per prima cosa, la sua fonte di finanziamento proviene dalla Fondazione Sandler, ovvero l’istituzione creata dall’uomo che ha fondato ProPublica, Herbert Sandler. Molte altre organizzazioni simili alla Sandler hanno poi sostenuto e finanziato i lavori e le ricerche di ProPublica.
Navigare sul sito .onion di ProPublica è davvero semplice ed intuitivo. Inoltre, l’esistenza stessa del sito è una grande vittoria per la privacy e la libertà di parola.

2. Facebook

http://www.facebookcorewwwi.onion/
Homepage Onion di Facebook.
Perché una delle più grandi organizzazioni note per la sua posizione invasiva sulla privacy e la controversa politica, dovrebbe avere un indirizzo .onion?
Sebbene Facebook registra tutto ciò che dici e fai sulla sua piattaforma, non è felice di condividere queste informazioni con gli altri. Facebook è anche consapevole dei tentativi di molti governi di limitare l’accesso a uno strumento che consente alle persone che non si conoscono di parlare e collaborare liberamente.
L’indirizzo .onion di Facebook non rende il tuo account più anonimo, ma rende Facebook più accessibile nei luoghi in cui è censurato.

3. DuckDuckGo

http://3g2upl4pq6kufc4m.onion/
Homepage Onion di DuckDuckGo.
Vuoi cercare contenuti, senza mettere a rischio la tua privacy? DuckDuckGo è un’ottima alternativa a Google. L’attività di ricerca non viene mai registrata dal sito. Sebbene non possieda la possibilità di conoscere il tuo comportamento o monitorare la tua posta elettronica e le tue abitudini di navigazione, DuckDuckGo fornisce risultati eccellenti. Il che solleva la domanda: le invasive tecniche di sorveglianza di Google sono davvero necessarie?
Google diventa fastidioso da utilizzare su Tor, perché chiede continuamente di inserire captcha per dimostrare di essere dei veri esseri umani. Ma Duck eccelle in velocità, affidabilità e privacy.

4. Wasabi Wallet

http://wasabiukrxmkdgve5kynjztuovbg43uxcbcxn6y2okcrsg7gb6jdmbad.onion
Homepage Onion di Wasabi Wallet.
Wasabi Wallet è un portafoglio Bitcoin che non solo nasconde tutti i tuoi dati nella rete Tor, ma ti consente anche di “unire” le tue transazioni con altre, per aumentare il tuo anonimato. Questo rende molto difficile scoprire chi stai pagando.
Il processo viene eseguito dietro pagamento di una commissione, ma a differenza di altri servizi, non vi è alcun rischio che Wasabi o uno dei suoi utenti possano truffarti.

5. Riseup

http://vww6ybal4bd7szmgncyruucpgfkqahzddi37ktceo3ah7ngmcopnpyyd.onion
Homepage Onion di Riseup.
Riseup è un provider di posta elettronica gestito da volontari per attivisti di tutto il mondo.
Fondato intorno al 1999 da attivisti a Seattle, è cresciuto fino a raggiungere oltre sei milioni di utenti in tutto il mondo. Pubblica regolarmente una newsletter in più lingue e gestisce non solo i servizi Onion per il suo sito web, ma anche tutti i suoi servizi di posta elettronica e chat.

6. Archive.today

http://archivecaslytosk.onion/
Uno screenshot del sito Archive Today sul dark web.
Archive.today (precedentemente noto come Archive.is) è una piattaforma che mira a preservare il patrimonio culturale e scientifico del web.
Fondato nel 2012, memorizza istantanee dei siti web, consentendo di “tornare indietro nel tempo” e vedere che aspetto avevano i siti web e quali informazioni contenevano nel passato.
Archive.today è considerato uno strumento importante per tenere traccia dei cambiamenti nei siti web governativi e aziendali, preservare il patrimonio culturale e mantenere la conoscenza al di fuori della portata degli autocrati. Puoi archiviare qualsiasi sito desideri o recuperare i record storici laddove possibile.

7. La CIA

http://ciadotgov4sjwlzihbbgxnqg3xiyrg7so2r2o3lt5wz5ypk4sxyjstad.onion
Homepage Onion della CIA.
La storia di Tor è incredibile. È stato sviluppato per la prima volta dalla Marina Militare degli Stati Uniti per aiutare gli informatori inviati in paesi stranieri a trasmettere le informazioni in modo sicuro. Con questo stesso spirito, la CIA ha lanciato un sito Onion per aiutare le persone di tutto il mondo ad accedere alle sue risorse in modo sicuro.

8. Keybase

http://fncuwbiisyh6ak3i.onion
Homepage Onion di Keybase.
Keybase è un fantastico servizio di identità, che mira a semplificare la tua vita online, collegando le tue varie identità online (ad esempio quelle dei social media) in modo crittografico. Puoi caricare la tua chiave PGP o chiedere al sito di crearne una per te, ed utilizzarla per collegare in modo crittografico il tuo profilo Twitter, l’account Github, o l’indirizzo Bitcoin, e molte altre, tutte insieme.
Keybase mette in seria difficoltà tutti coloro che vorrebbero rubare la tua identità.

9. Hidden Wiki

http://zqktlwiuavvvqqt4ybvgvi7tyo4hjl5xgfuvpdf6otjiycgwqbym2qad.onion/wiki/index.php/Main_Page
Homepage Onion di Hidden Wiki.
Come fai a scoprire contenuti che i motori di ricerca non possono raggiungere? Proprio come ai vecchi tempi di internet, il dark web offre l’indicizzazione a molti siti, come The Hidden Wiki.
Il sito .onion di Wikipedia modificato dalla community contiene una serie di collegamenti a un’ampia varietà di servizi e fonti presenti sul dark web. Molti di questi collegamenti sono defunti e o collegano a truffe o attività potenzialmente illegali. Clicca con cautela!
È l’unico sito di questo elenco che ha già l’URL onion Versione 3, più lungo e più sicuro.

Tanti altri fantastici collegamenti al dark web

Questo è l’elenco di ExpressVPN dei domini .onion che dovresti visitare, ma non sono che la punta dell’iceberg. Di contenuti lì fuori ce ne sono a migliaia (ma fai attenzione, non tutti sono affidabili e sicuri).
Cos’altro ci piace:
La BBC: https://www.bbcnewsv2vjtpsuy.onion/
CryptoMe: http://h2am5w5ufhvdifrs.onion/
Deep Web Radio: http://76qugh5bey5gum7l.onion/
Il New York Times: https://www.nytimes3xbfgragh.onion/
The Pirate Bay: https://uj3wazyk5u4hnvtk.onion/
Protonmail: https://protonirockerxow.onion/
We Fight Censorship: http://3kyl4i7bfdgwelmf.onion
ZeroBin: http://zerobinqmdqd236y.onion/
Tuttavia, ci dispiace informarti che The Onion non ha un sito .Onion: https://www.theonion.com/

Quali sono i tuoi siti .onion preferiti? Ci sono siti che vorresti avessero un indirizzo .onion? Faccelo sapere nei commenti qui sotto!

Stefania scrive di tecnologia, sicurezza informatica e nel tempo libero parla di libri, Lego e biciclette.