Sondaggio: Quanto tempo perdi per reimpostare le tue password?

Un recente sondaggio condotto da ExpressVPN ha analizzato la frequenza con cui le persone dimenticano le proprie password e il tempo che perdono per reimpostarle, tempo che potrebbe essere speso meglio per migliorare il benessere fisico e mentale.

Cosa faresti se avessi meno di quattro minuti a tua disposizione? Metteresti un sacchetto di popcorn nel microonde, risponderesti a un paio di email, leggeresti qualche pagina del tuo libro preferito o passeresti un po’ di tempo con i tuoi cari? 

Tra tutte le ipotesi che ci sono venute in mente, dubitiamo che la reimpostazione della password sia una di queste. 

Tuttavia, secondo un recente sondaggio condotto da ExpressVPN, una persona media spende tre minuti e 46 secondi per reimpostare una password ogni volta che la dimentica. 

Anche se sacrificare qualche minuto può non sembrare un grosso problema (ci siamo passati tutti, molto probabilmente più di una volta), la maggior parte degli intervistati che abbiamo interpellato ammette di seguire i passaggi della “password dimenticata” molto più spesso di quanto vorrebbe. 

Perché dimentichiamo le nostre password?

Ci sono alcune pratiche che possono aumentare le possibilità di dimenticare le password, e non tutte sono negative:

  • Impostare password complesse per rendere i nostri account più sicuri
  • Dover ricordare numerose password diverse tra le varie piattaforme
  • L’utilizzo di accessi biometrici per entrare nei nostri account digitali è così massiccio che dimentichiamo i nostri dati di accesso manuali

Sono decenni che resettiamo le nostre password e la cosa non sembra volere abbandonarci. La reimpostazione della password è ancora un modo semplice e sicuro per consentire ai siti web di accedere al proprio account quando la si dimentica. Ma questo significa che si perde sempre più tempo man mano che la nostra vita si sposta nella sfera digitale.  

Per comprendere meglio le conseguenze del dover reimpostare una password dimenticata, ExpressVPN ha intervistato 8.000 persone negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Francia e in Germania. Insieme, questo gruppo fornisce una visione dell’uso comune delle password e di ciò che tutti noi potremmo fare con il tempo perso a causa delle password dimenticate.

Ogni anno le persone sprecano ore per reimpostare le password

Se nei quattro Paesi il tempo medio per cambiare una password è di tre minuti e 46 secondi, gli americani sono quelli che impiegano più tempo, con il 37% che dichiara di impiegare più di quattro minuti per cambiare ogni password e il 7% che impiega più di 10 minuti.

Quando abbiamo chiesto informazioni sulla frequenza, abbiamo scoperto che il 52% degli intervistati statunitensi reimposta le proprie password almeno una volta al mese, con risultati simili in Francia (53%) e nel Regno Unito (50%). I tedeschi, invece, sembrano dimenticare le loro password meno spesso, con solo il 35% che ha bisogno di resettarle almeno una volta al mese. 

Tra gli intervistati statunitensi, il 21% dichiara di reimpostare le proprie password più di una volta alla settimana, mentre il 14% ammette di farlo almeno una volta al giorno. Quest’ultima cifra equivale a ben 21 ore di tempo speso ogni anno da un individuo. 

Peggio ancora, il 4% degli americani ammette di dover reimpostare le proprie password dimenticate più di quattro volte al giorno, per un totale di ben tre giorni e mezzo (o 84 ore) all’anno. 

Le password che dimentichiamo di più: bancarie

Devi effettuare un trasferimento di denaro online urgente. Dopo aver aperto il portatile, aver versato una tazza di caffè, ci si accomoda sulla propria poltrona preferita, pronti ad accedere alla propria applicazione bancaria. Ma non ci riesci. È passato così tanto tempo dall’ultima volta che hai effettuato l’accesso al tuo conto che hai completamente dimenticato qual è. 

Per gran parte degli intervistati in tutti e quattro i paesi, questa situazione è fin troppo familiare. Quasi il 30% cita l’online banking come il tipo di sito o app per il quale è più probabile dimenticare la password di accesso, più dei social media (24%), dello shopping online (16%), dei siti e delle app di intrattenimento (9%) e dei giochi online (8%). 

È interessante notare che solo il 7% degli intervistati dichiara che gli account di lavoro sono quelli che devono ripristinare più spesso. Probabilmente questo è dovuto al fatto che gli utenti devono accedere frequentemente ai loro account di lavoro, impedendo loro di dimenticare le password. Un’altra possibile ragione è l’uso comune di gestori di password o di servizi di single sign-on al lavoro, che consentono agli utenti di accedere a numerosi account ricordando una sola password. 

Quindi, cosa facciamo quando dimentichiamo una password?

Recupero della password e controllo dei danni 

Anche se le password si dimenticano facilmente, oltre tre quarti degli intervistati sono sicuri di conoscere la risposta alle domande di sicurezza precedentemente impostate. Comunque sia, ci sono molti altri ostacoli che gli utenti incontrano quando dimenticano una password.

Oltre il 76% degli intervistati statunitensi ha dichiarato di essere stato bloccato dal proprio account dopo aver inserito una password errata. Questo può significare diverse cose a seconda dell’account: aspettare un periodo di tempo prima di poter riprovare; essere costretti a resettare; dover contattare l’azienda con altri metodi come telefono o email.

Non è sempre facile capire cosa fare. Il 48% degli intervistati statunitensi dichiara di aver chiesto assistenza a un amico (10%), a un familiare (16%) o a un rappresentante dell’assistenza clienti (21%) quando ha dimenticato una password.  

Quando riescono a reimpostare le password dimenticate, oltre il 40% degli intervistati americani, britannici e tedeschi dichiara di creare manualmente una password completamente nuova e unica o di farlo con un generatore di password casuale, che è la pratica migliore. I francesi intervistati, invece, preferiscono adottare un approccio più semplice (anche se meno sicuro), apportando una piccola modifica alla password originale quando la reimpostano con una nuova. 

Nonostante sia fortemente raccomandato non riciclare mai le password, il 16% degli intervistati tedeschi, il 12% di quelli francesi e oltre il 10% di quelli statunitensi e britannici ammettono di riutilizzare la password di un altro account quando ne dimenticano una. 

La reimpostazione della password è una delle principali frustrazioni

Cosa c’è di più frustrante che dover reimpostare continuamente una password? Per i nostri partecipanti statunitensi, britannici e francesi, non molto. 

La maggior parte degli intervistati (35%) cita la lentezza della connessione a internet come l’unica cosa che considera più fastidiosa del dimenticare una password online. Questa frustrazione è seguita dalla reimpostazione di una password solo per sentirsi dire che non può essere la stessa della vecchia (25%). 

Al contrario, la maggior parte dei partecipanti tedeschi trova più frustrante una connessione internet lenta (34%), perdere le chiavi dell’auto (34%) e stare seduti nel traffico (25%) che dimenticare una password online (19%). 

Nella maggior parte di noi è radicato il disprezzo per le attività che consideriamo una perdita di tempo. Questo perché sappiamo intrinsecamente che si tratta di tempo che potrebbe essere speso meglio. Ma dove esattamente?

Dove spendere tempo in modo migliore

Abbiamo chiesto ai nostri intervistati cosa farebbero se avessero di nuovo a disposizione il tempo perso per reimpostare le loro password. La maggior parte di loro ha risposto che avrebbero:

  • Trascorso più tempo con amici o familiari (30%)
  • Letto un libro (16%)
  • Fatto una passeggiata (14%)
  • Svolto alcune faccende importanti (12%)
  • Provato un nuovo hobby (8%)

Quindi, invece di provare l’assalto della paura, dell’ansia e della frustrazione che derivano dal dimenticare una password, la maggior parte di noi preferisce partecipare ad attività che contribuiscono al nostro benessere mentale e fisico. È logico. 

Unica nota negativa? Quasi il 32% degli intervistati ritiene che la reimpostazione della password sia una parte normale della vita, mentre un altro 20% pensa che non si possa fare nulla per evitare di doverla reimpostare. Tuttavia, nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.  

Il modo più semplice per memorizzare le password

Per buona parte degli ultimi vent’anni, ci è stato detto di formulare password complicate che contenessero una stringa casuale di testo maiuscolo e minuscolo misto a simboli, perché sarebbero state più difficili da violare. Questo ha fatto sì che password come “KJaerz&53$*647>” diventassero il Santo Graal dell’autenticazione.

Sebbene si possa discutere sui meriti dell’aggiunta di simboli e se qualcosa come “corretta batteria di cavalli” sia altrettanto valida, una cosa è certa: le password devono essere lunghe (consigliamo almeno 17 caratteri) e uniche (non ripetute tra gli account). Il problema è ricordarle. Le password più efficaci sono praticamente impossibili da ricordare, soprattutto se sono numerose.

Usare un password manager

Non solo gli esperti ritengono che i gestori di password siano il modo più sicuro per memorizzare le password, grazie a una crittografia avanzata, ma l’utilizzo di un password manager ti permette di ricordare una sola password principale, che ti consentirà di accedere a tutte le altre password. 

Inoltre, la maggior parte dei gestori di password precompila automaticamente i campi di accesso per i siti e i servizi utilizzati, offrendo una maggiore comodità. 

Qual è il modo più semplice per ricordare le password? Sembra che la risposta sia non doverle ricordare affatto.

La scelta di password sicure è un ottimo modo per assicurarsi che le tue informazioni siano protette. Ma per proteggerti ancora di più, scarica una VPN per navigare liberamente e in sicurezza.

ExpressVPN is dedicated to your online security and privacy. Posts from this account will focus on company news or significant privacy and security stories.